You are here

Presidenza estone dell’UE


EE-logo-2017La presidenza del Consiglio dell’UE è condivisa tra i governi nazionali dei 28 Stati membri ed è trasferita da uno Stato membro ad un altro con cadenza semestrale, il 1° gennaio e il 1° luglio di ogni anno. L’ufficio di presidenza ha una responsabilità significativa: durante il suo mandato, lo Stato membro ospitante presiede le riunioni del Consiglio dell’UE, uno dei principali organi decisionali dell’Unione. La presidenza ha inoltre la responsabilità di assicurare che gli Stati membri lavorino in armonia, negoziando compromessi quando necessario e agendo in ogni momento nell’interesse dell’Unione europea nel suo complesso.

Il programma di lavoro della presidenza viene condiviso da tre Stati membri (il «trio di presidenza») per un periodo di 18 mesi. La presidenza stabilisce obiettivi dettagliati che intende raggiungere durante il suo periodo in carica e, con gli altri membri del trio di presidenza, definisce gli obiettivi a lungo termine che non possono realisticamente essere raggiunti in soli sei mesi.

Un nuovo trio di presidenza inizia il suo mandato il 1° luglio 2017. L’Estonia ospita la presidenza del primo periodo, dal 1° luglio al 31 dicembre 2017, seguita dalla Bulgaria e dall’Austria. Questi paesi collaboreranno insieme per attuare il loro programma di lavoro congiunto di 18 mesi.

Tra le priorità della presidenza estone si annoverano le seguenti.

  • L’avanzamento dell’economia aperta e innovativa dell’Europa, mediante lo sviluppo di un contesto imprenditoriale che sostenga la crescita e la competizione basata sulla conoscenza;
  • il mantenimento del clima di sicurezza in Europa;
  • l’ulteriore digitalizzazione dell’Europa e la promozione del libero flusso di dati;
  • la garanzia di un’Europa inclusiva e sostenibile;
  • l’esame delle sfide poste dalla natura del lavoro in continuo cambiamento - diritti dei lavoratori, sviluppo delle competenze e accesso all’impiego per tutti.

Visita il sito web della presidenza estone

Video: «Che cos’è la presidenza del Consiglio e come funziona?»