You are here

Premi per le buone pratiche nell’ambito della campagna «Ambienti di lavoro sani e sicuri»

Informazioni sulla campagna «Ambienti di lavoro sani e sicuri»

L’Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro gestisce campagne biennali per promuovere ambienti di lavoro sani e sicuri, con il sostegno delle istituzioni dell’UE e delle parti sociali europee e il coordinamento a livello nazionale della rete dei punti focali dell’Agenzia stessa.

L’attuale campagna «Ambienti di lavoro sani e sicuri ad ogni età 2016-2017», che promuove il lavoro sostenibile e l’invecchiamento in salute, sottolinea l’importanza della prevenzione dei rischi durante l’intera vita lavorativa, sensibilizza in merito alla necessità di personalizzare il lavoro in base alle capacità individuali, assiste i datori di lavoro e i lavoratori fornendo loro informazioni e strumenti per la gestione della SSL nel contesto di una forza lavoro che invecchia e facilita lo scambio di buone pratiche in quest’area.

Premi per le buone pratiche nell’ambito della campagna «Ambienti di lavoro sani e sicuri»

I Premi per le buone pratiche nell’ambito di «Ambienti di lavoro sani e sicuri» sono un elemento importante di ogni campagna. Il concorso è organizzato da EU-OSHA, in cooperazione con gli Stati membri e le presidenze del Consiglio dell’UE, per conferire un riconoscimento a contributi eccezionali e innovativi alla sicurezza e alla salute negli ambienti di lavoro. I Premi per le buone pratiche servono anche come piattaforma per la condivisione e la promozione di buone pratiche in tutta Europa.

Nell’ambito della campagna «Ambienti di lavoro sani e sicuri ad ogni età 2016-2017», i Premi per le buone pratiche mirano a mettere in evidenza esempi significativi di organizzazioni che gestiscono attivamente la sicurezza e la salute sul lavoro nel contesto di una forza lavoro che invecchia.

I Premi per le buone pratiche nell’ambito della campagna «Ambienti di lavoro sani e sicuri 2016-2017» sono intesi quale riconoscimento alle aziende e organizzazioni che si sono distinte per i propri metodi innovativi di promozione del lavoro sostenibile nel contesto di una forza lavoro che invecchia, per un approccio olistico alla gestione della SSL e per l’adozione di una prospettiva di prevenzione del rischio e promozione della salute nel corso dell’intera vita, per garantire un invecchiamento in salute sul luogo di lavoro.

L’EU-OSHA ha ricevuto 42 candidature da 23 paesi. Tra queste, cinque sono pervenute dai partner ufficiali della campagna. A trasmetterle è stata un’ampia gamma di organizzazioni, di dimensioni e settori diversi.

Le candidature sono state valutate da una giuria europea tripartita composta da esponenti delle parti sociali europee, della Commissione europea, dell’Autorità maltese per la sicurezza e la salute sul lavoro e dell’EU-OSHA. Presidente della giuria è stato il prof. Stephen Bevan dell’Institute for Employment Studies (IES), che si occupa di studi in materia di occupazione. La giuria ha premiato nove candidature, mentre altre nove hanno ricevuto una menzione, tra cui quelle dei partner ufficiali della campagna.

Gli esempi di pratiche premiate o distinte con una menzione sono presentati nell’opuscolo Premi per le buone pratiche nell’ambito della campagna «Ambienti di lavoro sani e sicuri» 2016–2017